Page 101 - I Giardini dei Devoti Vol 1 & 2

Basic HTML Version

101
Il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) moltipicava, nei
rukû° e nei sujûd che compiva, la ripetizione della formula: "Sii esaltato mio
Dio, Signor nostro, ed a Tua lode; mio Dio, perdonami". Interpretava il
Corano.
47
114c. Da °Âisha – che Allah sia soddisfatto di lei.
"Sii esaltato, e per Tua lode; Ti chiedo perdono, e ritorno pentito a Te". Chiesi:
"Messaggero di Allah, che cosa sono queste formule che ti vedo coniare e
recitare?". Rispose: "Mi è stato imposto un segno, nella mia nazione, e quando
lo vedo, lo recito:
Quando verrà l'ausilio di Allah e la vittoria, e vedrai le genti entrare in
massa nella religione di Allah, glorifica il tuo Signore lodandoLo e
chiediGli perdono; in verità Egli è Colui che accetta il pentimento
(Corano
CX. An-Nasr, 1-3)"
In una versione del Sahîh
114d. In una versione, da °Âisha:
Il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) ripeteva sovente:
"Sia esaltato Allah, ed a Sua lode; chiedo perdono ad Allah e torno pentito a
Lui". Chiesi: "Messaggero di Allah, ti vedo reiterare la formula: "Sia esaltato
Allah, ed a Sua lode; chiedo perdono ad Allah e torno pentito a Lui".". Disse:
"Mi ha annunciato il mio Signore che vedrò un segno nella mia nazione; e
quando lo vedrò, reitererò la formula: "Sia esaltato Allah, ed a Sua lode;
chiedo perdono ad Allah e torno pentito a Lui". E l'ho visto:
Quando verrà
l'ausilio di Allah e la vittoria
- e la vittoria è la conquista di Makkah –
, e
vedrai le genti entrare in massa nella religione di Allah, glorifica il tuo
Signore lodandoLo e chiediGli perdono; in verità Egli è Colui che accetta il
pentimento
(Corano CX. An-Nasr, 1-3)".
115 "
ﻊﺑﺍﺮﻟﺍ
ﻦﻋ
ﺲﻧﺃ
ﻲﺿﺭ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻪﻨﻋ
ﻝﺎﻗ
:
ﻥﺇ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﺰﻋ
ﱠﻞﺟﻭ
ﻊﺑﺎﺗ
ﻲﺣﻮﻟﺍ
ﻰﻠﻋ
ﻝﻮﺳﺭ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻰﱠﻠﺻ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻪﻴﹶﻠﻋ
ﻢﱠﻠﺳﻭ
ﻞﺒﻗ
ﻪﺗﺎﻓﻭ
ﱴﺣ
ﰲﻮﺗ
ﺮﺜﻛﺃ
ﺎﻣ
ﻥﺎﻛ
ﻲﺣﻮﻟﺍ
.
ﻖﹶﻔﺘﻣ
ﻪﻴﹶﻠﻋ
.
115. Da Anas – che Allah sia soddisfatto di lui.
Allah, Potente e Glorioso, seguitò la Rivelazione al Messaggero di Allah (pace e
benedizioni di Allah su di lui), prima della sua morte e fino a quando morì,
con maggiore frequenza.
47
Nda: Il senso è: faceva quello che è ordinato nel Corano, secondo il detto dell'Altissimo:
Glorifica il tuo Signore lodandoLo e chiediGli perdono…
(Corano CX. An-Nasr,
3).