Page 138 - I Giardini dei Devoti Vol 1 & 2

Basic HTML Version

138
ﺏﺎﺑ
ﺏﻮﺟﻭ
ﺩﺎﻴﻘﻧﻻﺍ
ﻢﻜﳊ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﱃﺎﻌﺗ
ﻣﻭﺎ
ﻪﻟﻮﻘﻳ
ﻦﻣ
ﻲﻋﺩ
ﱃﺇ
ﻚﻟﺫ
ﺮﻣﺃﻭ
ﻑﻭﺮﻌﲟ
ﻭﺃ
ﻲ
ﻦﻋ
ﺮﻜﻨﻣ
Capitolo 17
DELLA NECESSITÀ DI SOTTOMETTERSI AL DECRETO
DI ALLAH
DI QUEL CHE DICE CHI INVITA A FARLO
E DELL’ORDINARE IL BENE E PROIBIRE IL MALE
ﻝﺎﻗ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﱃﺎﻌﺗ
(
ﺀﺎﺴﻨﻟﺍ
65
): {
ﻼﻓ
ﻚﺑﺭﻭ
ﻥﻮﻨﻣﺆﻳ
ﱴﺣ
ﻜﳛ ﻙﻮﻤ
ﺎﻤﻴﻓ
ﺮﺠﺷ
،ﻢﻬﻨﻴﺑ
ﺍﻭﺪﳚ
ﻢﻬﺴﻔﻧﺃ
ﹰﺎﺟﺮﺣ
ﺎﳑ
،ﺖﻴﻀﻗ
ﺍﻮﻤﻠﺴﻳﻭ
ﹰﺎﻤﻴﻠﺴﺗ
}.
ﻝﺎﻗﻭ
ﱃﺎﻌﺗ
(
ﺭﻮﻨﻟﺍ
51
): {
ﺎﳕﺇ
ﻥﺎﻛ
ﻝﻮﻗ
ﲔﻨﻣﺆﳌﺍ
ﺍﺫﺇ
ﺍﻮﻋﺩ
ﱃﺇ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻪﻟﻮﺳﺭﻭ
ﻢﻜﺤﻴﻟ
ﻢﻬﻨﻴﺑ
ﻥﺃ
ﺍﻮﻟﻮﻘﻳ
:
ﺎﻨﻌﲰ
،ﺎﻨﻌﻃﺃﻭ
ﻚﺌﻟﻭﺃﻭ
ﻢﻫ
ﻥﻮﺤﻠﻔﳌﺍ
}.
ﻪﻴﻓﻭ
ﻦﻣ
ﺚﻳﺩﺎﺣﻷﺍ
ﺚﻳﺪﺣ
ﰊﺃ
ﺓﺮﻳﺮﻫ
ﺭﻮﻛﺬﳌﺍ
ﻝﻭﺃ
ﻟﺍﺏﺎﺒ
ﻪﻠﺒﻗ
(
ﺮﻈﻧﺍ
ﺚﻳﺪﳊﺍ
ﻢﻗﺭ
156
)
ﻩﲑﻏﻭ
ﻦﻣ
ﺚﻳﺩﺎﺣﻷﺍ
ﻪﻴﻓ
.
Allah Altissimo ha detto:
No, per il tuo Signore, non saranno credenti finché non ti avranno eletto
giudice delle loro discordie e finché non avranno accettato senza
recriminare quello che avrai deciso, sottomettendosi completamente
(Corano IV. An-Nisâ’, 65)
Allah Altissimo ha detto:
Quando i credenti sono chiamati ad Allah e al Suo Messaggero affinché
egli giudichi tra loro, la loro risposta è: “Ascoltiamo e obbediamo”. Essi
sono coloro che prospereranno!
(Corano XXIV. An-Nûr, 51)
E tra gli ahadîth riferiti a questo capitolo, ci sono quelli di Abû Hurayra (che
Allah sia soddisfatto di lui) riportato all’inizio del capitolo precedente, ed altri.