Page 59 - I Giardini dei Devoti Vol 1 & 2

Basic HTML Version

59
Angeli, nei Suoi Libri, nei Suoi Messaggeri e nell'Ultimo Giorno, e che tu creda
nel Decreto divino, sia nel bene che nel male". L'uomo commentò: "Hai detto
il vero". Quindi aggiunse: "Ragguagliami sull'Ihsân". Rispose: "È che tu adori
Allah come se Lo vedessi, ché, se anche tu non sei nella condizione di poterLo
vedere, certamente Egli vede te". E chiese ancora: "Ragguagliami sull'Ora".
Rispose: "In proposito l'interrogato non ne sa più dell'interrogante". E chiese:
"Ragguagliami sui suoi segni". Rispose: "Che la serva genererà la sua
signora
21
, e vedrai gli scalzi, gli ignudi, i poveri pastori di greggi rivaleggiare
nella grandezza delle abitazioni". Quindi l'uomo si dileguò, ed io indugiai a
lungo; poi il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) chiese: "°Umar, sai
chi era quello che interrogava?". Risposi: "Allah e il Suo Messaggero ne sanno
di più". Egli spiegò: "Jibrîl (Gabriele) è venuto da voi a farvi conoscere la
vostra religione".
Lo ha trasmesso Muslim.
61 "
ﱐﺎﺜﻟﺍ
ﻦﻋ
ﰊﺃ
ﺭﺫ
ﺏﺪﻨﺟ
ﻦﺑ
ﺓﺩﺎﻨﺟ
ﰊﺃﻭ
ﺪﺒﻋ
ﻦﲪﺮﻟﺍ
ﺫﺎﻌﻣ
ﻦﺑ
ﻞﺒﺟ
ﻲﺿﺭ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﺎﻤﻬﻨﻋ
ﻦﻋ
ﻝﻮﺳﺭ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻰﱠﻠﺻ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻪﻴﹶﻠﻋ
ﻢﱠﻠﺳﻭ
ﹶﻝﺎﹶﻗ
: <
ﻖﺗﺍ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﺎﻤﺜﻴﺣ
،ﺖﻨﻛ
ﻊﺒﺗﺃﻭ
ﺔﺌﻴﺴﻟﺍ
ﺔﻨﺴﳊﺍ
،ﺎﻬﺤﲤ
ﻖﻟﺎﺧﻭ
ﺱﺎﻨﻟﺍ
ﻖﻠﲞ
ﻦﺴﺣ
>
ﻩﺍﻭﺭ
ﻱﺬﻣﺮﺘﹾﻟﺍ
ﹶﻝﺎﹶﻗﻭ
ﹲﺚﻳﺪﺣ
ﻦﺴﺣ
.
61. Da Abû Dharr Jundab ibn Junâda, e Abû °Abd ar-Rahmân Mu°âdh ibn
Jabal – che Allah sia soddisfatto di entrambi.
Dal Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui), che disse:
"Temi Allah dovunque ti trovi, e fai seguire alla malvagia la buona azione, sì
che questa cancelli quella, e mostrati di buon carattere con la gente".
Lo ha trasmesso at-Tirmidhî, che disse: hadîth buono.
62 "
ﺚﻟﺎﺜﻟﺍ
ﻦﻋ
ﻦﺑﺍ
ﺱﺎﺒﻋ
ﻝﻮﺳﺭ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﹶﻝﺎﹶﻗ
:
ﺖﻨﻛ
ﻒﻠﺧ
ﱯﻨﻟﺍ
ﻰﱠﻠﺻ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻪﻴﹶﻠﻋ
ﻢﱠﻠﺳﻭ
ﺎﻣﻮﻳ
ﹶﻘﻓ ﹶﻝﺎ
: <
ﺎﻳ
ﻡﻼﻏ
ﱐﺇ
ﻚﻤﻠﻋﺃ
ﺕﺎﻤﻠﻛ
:
ﻆﻔﺣﺍ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
،ﻚﻈﻔﳛ
ﻆﻔﺣﺍ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻩﺪﲡ
،ﻚﻫﺎﲡ
ﺍﺫﺇ
ﺖﻟﺄﺳ
ﻝﺄﺴﻓ
،ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﺍﺫﺇﻭ
ﺖﻨﻌﺘﺳﺍ
ﻦﻌﺘﺳﺎﻓ
،ﻪﱠﻠﻟﺎﺑ
ﻢﻠﻋﺍﻭ
ﻥﺃ
ﺔﻣﻷﺍ
ﻮﻟ
ﺖﻌﻤﺘﺟﺍ
ﻰﹶﻠﻋ
ﻥﺃ
ﻙﻮﻌﻔﻨﻳ
ﺀﻲﺸﺑ
ﻙﻮﻌﻔﻨﻳ
ﻻﺇ
ﺀﻲﺸﺑ
ﺪﻗ
ﻪﺒﺘﻛ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
،ﻚﻟ
ﻥﺇﻭ
ﺍﻮﻌﻤﺘﺟﺍ
ﻰﹶﻠﻋ
ﻥﺃ
ﻙﻭﺮﻀﻳ
ﺀﻲﺸﺑ
ﻙﻭﺮﻀﻳ
ﻻﺇ
ﺀﻲﺸﺑ
ﺪﻗ
ﻪﺒﺘﻛ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
،ﻚﻴﻠﻋ
ﺖﻌﻓﺭ
ﻡﻼﻗﻷﺍ
ﺖﻔﺟﻭ
ﻒﺤﺼﻟﺍ
>
ﻩﺍﻭﺭ
ﻱﺬﻣﺮﺘﹾﻟﺍ
ﹶﻝﺎﹶﻗﻭ
ﹲﺚﻳﺪﺣ
ﻦﺴﺣ
ﺢﻴﺤﺻ
.
21
Nda
: cioè la sua padrona; e il senso è che moltiplicheranno le concubine, in modo tale che
la serva della concubina genererà una figlia al padrone di quella, e figlia del padrone vuol dire
padrone. Altri intendono diversamente.