Page 63 - I Giardini dei Devoti Vol 1 & 2

Basic HTML Version

63
pecora gravida. E si fecero pastori i primi due
23
, ed allevò l'agnello il terzo; e il
primo ebbe una valle piena di cammelli, il secondo una valle piena di bovini,
ed il terzo una valle piena di pecore. Poi l'Angelo, nell'aspetto e nella forma di
prima, si recò dal lebbroso e disse: "Sono un uomo povero, e mi si sono rotte
in viaggio le corde
24
, e adesso non ho più il sufficiente, a meno che non sia per
Allah, e quindi a mezzo tuo: chiedo a te, nel Nome di Colui Che ti ha dato il
buon colorito e la bella pelle ed i beni, di darmi un cammello con cui arrivare
alla fine del mio viaggio". Quegli rispose: "Gli impegni sono tanti"; l'Angelo
aggiunse: "È come se ti conoscessi: non eri lebbroso, e la gente te lo imputava
a ribrezzo? Non eri povero, e Allah ti ha dato?". Rispose: "Ho semplicemente
ereditato questi beni, di generazione in generazione". L'Angelo replicò: "Se
stai mentendo, ti faccia ritornare Allah nella condizione nella quale ti trovavi
prima". E si recò dal calvo, nell'aspetto e nella forma di prima, e chiese a lui
come aveva chiesto all'altro, ed egli gli rispose allo stesso modo; e l'Angelo
replicò: "Se stai mentendo, ti faccia ritornare Allah nella condizione nella
quale ti trovavi prima". E si recò dal cieco, nell'aspetto e nella forma di prima,
e gli disse: "Sono un uomo povero, un viandante, e mi si son rotte in viaggio le
corde, e adesso non ho più il sufficiente, a meno che non sia per Allah, e
quindi a mezzo tuo. Chiedo a te, nel Nome di Colui Che ti ha reso la vista, una
pecora, colla quale arrivi a buon fine nel mio viaggio". Quegli rispose: "Ero
cieco, e Allah mi ha reso la vista: prendi quello che vuoi e lascia quello che
vuoi, e, per Allah, non ti farò carico
25
di alcuna cosa tu prenda oggi nel Nome
di Allah Potente e Glorioso". L'Angelo disse: "Tienti i tuoi beni; siete stati
soltanto messi alla prova, e Allah è rimasto soddisfatto di te, mentre è in
collera coi tuoi due compagni".
Al-Bukhârî e Muslim concordano.
66 "
ﻊﺑﺎﺴﻟﺍ
ﻦﻋ
ﰊﺃ
ﻰﻠﻌﻳ
ﺩﺍﺪﺷ
ﻦﺑ
ﺱﻭﺃ
ﻲﺿﺭ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻪﻨﻋ
ﻦﻋ
ﱯﻨﻟﺍ
ﻰﱠﻠﺻ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
ﻪﻴﹶﻠﻋ
ﻢﱠﻠﺳﻭ
ﹶﻝﺎﹶﻗ
: <
ﺲﻴﻜﻟﺍ
ﻦﻣ
ﻥﺍﺩ
ﻪﺴﻔﻧ
ﻞﻤﻋﻭ
ﺎﳌ
ﺪﻌﺑ
،ﺕﻮﳌﺍ
ﺰﺟﺎﻌﻟﺍﻭ
ﻦﻣ
ﻊﺒﺗﺃ
ﻪﺴﻔﻧ
ﺎﻫﺍﻮﻫ
ﲎﲤﻭ
ﻰﹶﻠﻋ
ﻪﱠﻠﻟﺍ
!>
ﻩﺍﻭﺭ
ﻱﺬﻣﺮﺘﹾﻟﺍ
ﹶﻝﺎﹶﻗﻭ
ﹲﺚﻳﺪﺣ
ﻦﺴﺣ
.
ﹶﻝﺎﹶﻗ
ﻱﺬﻣﺮﺘﻟﺍ
ﻭ ﻩﲑﻏ
ﻦﻣ
ﺀﺎﻤﻠﻌﻟﺍ
:
ﲎﻌﻣ
<
ﻥﺍﺩ
ﻪﺴﻔﻧ
> :
ﺎﻬﺒﺳﺎﺣ
.
66. Da Abû Ya°lâ Shaddâd ibn Aws – che Allah sia soddisfatto di lui.
23
Nda:
antaja
in un'altra versione
tanattaja
, il cui senso è "ebbe potere" sul suo parto – cioè
il possesso del cucciolo.
An-nâtij
è "chi assiste al parto", e si dice nel caso della cammella,
allo stesso modo che
qâbila
(levatrice) è riferito alla donna.
24
Nda: cioè: ho perduto i mezzi di sussistenza
25
Nda: cioè: non t'imporrò la restituzione di alcunché tu prenda o chieda dei miei beni; nella
versione di Al"Bukhârî c'è:
lâ ahmaduka
, il cui senso è "non ti sarò grato per aver lasciato
qualcosa di cui abbia bisogno": come dissero: non vi sarà rimpianto per tutta la vita, o alla
fine della sua durata.